Quando una mamma italiana cucina / When an Italian mummy cooks

Donna mamma v. donna child free

Donna mamma v. donna child free

Sono diventata mamma a 36 anni per scelta. Molte delle mie amiche lo so diventate più o meno negli anni altre non hanno avuto figli o non ne hanno ancora. Tra le due categorie c’è una certa diffidenza e si guardano con sospetto. Le donne mamme pensano che quelle child free siano donne in controllo delle loro vite, capaci di fare qualsiasi cosa in qualsiasi momento, di vivere alla giornata. Quelle child free pensano che le donne mamme siano delle schiave, in ginocchio di fronte ai bisogno familiari. E’ proprio così?

Ognuno diventa genitore o sceglie di non diventarlo per ragioni molto diverse, personali che non devono giudicare. Io posso solo descrivere la mia esperienza.

Da quando sono diventata genitore l’unica cosa che mi manca davvero è la possibilità di viaggiare su lunghe tratte. Ho una bimba di 3 anni e mezzo e aspetto un secondo figlio; pensare di prenotare i biglietti per il Giappone nei prossimi mesi è impensabile. Per il resto non mi sento né una donna vittima della famiglia, né deprivata di chissà quale libertà. E’ vero però che ho dovuto imparare a conquistarmi i miei spazi, a ridefinirmi in più ruoli diversi. Non è stato facile, ma l’ho trovato terribilmente arricchente.

La maternità ti mette di fronte alle tue debolezze, paure e a volte ti porta allo stremo delle forze, ma ti fa crescere e migliorare in modo impressionante. Da girovaga disillusa e spesso includente, sono diventata progettuale e operativa, con molto più focus sul mio miglioramento personale e molto meno su paranoie post giovanili. Forse sono più sicura di me  e di quello che posso fare o semplicemente ho meno tempo da perdere, quindi lo impiego in modo più proficuo.

Questo non vuol dire che le amiche child free siano delle donne senza senso. C’è chi negli anni si è concentrata al 100% sulla carriera e ha raggiunto grandi traguardi, chi ha fatto dei viaggi meravigliosi, chi ha scelto di fare l’aspirante bohémien a vita e chi non si è trovato nella condizione di poterlo fare. Se sentano la mancanza di figli non so dirlo, forse non sono pronte a fare questo passo o forse non lo vogliono fare. E questo è un bel dilemma da risolvere, specialmente quando ci si avvicina ai 40, che non tutte probabilmente riusciranno a risolvere, aimé… Io auguro a tutte di darsi delle risposte che le soddisfino.

 



Rispondi


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: